martedì 22 luglio 2008

THE JIMI HENDRIX EXPERIENCE. Bologna 26 maggio 1968 Parte 1

Le registrazioni del concerto di Bologna, 26 Maggio 1968


Per un fan sfegatato trovare una registrazione inedita del proprio artista preferito è sempre fonte di grande gioia.

Immaginatevi poi che questa sia una registrazione di uno dei pochi concerti dell'unica tournée nel nostro paese...


A quei tempi mi trovavo a Ravenna, ospite dell'amico Bonanzi.

Insieme andammo a far visita a "Brak" Bruno Rossetti, musicista romagnolo e grande amico hendrixiano, il quale aveva chiesto il nostro parere riguardo ad un nastro che aveva trovato.

Bruno ci raccontò che, qualche giorno prima in un negozio di strumenti musicali, del centro di Bologna, aveva incontrato un tizio con una vecchia bobina di un registratore Geloso.

Era lì per trasferire la registrazione di quel nastro su cassetta (era il 1990 e i cd non erano così diffusi).

Incuriosito dalla bobina Bruno chiese cosa vi fosse registrato e questi candidamente rispose :

"Il concerto di Jimi Hendrix a Bologna che ho registrato più di vent'anni fa"

Ovviamente il nostro buon "Brak" ne ottenne subito una copia che ci fece

sentire, in quanto era ancora incredulo che fosse proprio il concerto di Bologna.

Altre volte era capitato che qualcuno, in buona fede, dicesse di avere una registrazione di Jimi in Italia.

Solo pochi mesi prima, un mio amico di Rho aveva trovato un’altra bobina di un “Geloso”.

Non si sapeva quale concerto di Jimi fosse registrato su quel nastro, si pensava ci fosse il concerto al “Piper” di Milano, invece poi risultò trattarsi della registrazione di un raro bootleg dell’Isola di Wight..


Quella volta invece… Non potevamo crederci, già dai primi secondi ci accorgemmo che era roba nuova. …Si odono tra il brusio del pubblico delle frasi chiaramente in italiano, Hendrix si scusa con il pubblico per la mancanza di potenza elettrica… nuove versioni di canzoni note…

Era davvero lui, non riesco descrivere la sorpresa e la felicità che provammo.

In qualche modo, fino ad allora, ero sempre stato invidioso dei fans di altri paesi in cui Jimi aveva suonato, perché a loro era rimasta una testimonianza registrata audio o video del passaggio di Hendrix nel loro paese, mentre a quei tempi, della tournée italiana non c’era niente. Attualmente, l’unica nazione in cui Jimi ha suonato e non si conoscono registrazioni, è la Spagna, dove gli Experience tennero 2 concerti a Palma di Majorca nel club “Sgt. Peppers” a metà Luglio del 1968 (stackanovisti però dato che dovevano essere ufficialmente in vacanza J ).

Un paio di anni dopo, un altro nostro vecchio amico, Mauro Filippini, ad una fiera del disco usato a Modena, fece conoscenza con un noto collezionista beatlesiano di Brescia.

Parlando, questi menzionò di possedere un’altra fonte di registrazione del concerto di Bologna. Appena Mauro ce lo riferì ci mettemmo subito in contatto con questo collezionista bresciano. Roberto Bonanzi stavolta ricambiò la visita e venne ospite da me . Insieme organizzammo di andare a Brescia, purtroppo poi un imprevisto dell’ultimo momento mi impedì di accompagnarlo.

Comunque quel giorno Bonanzi ottenne lo stesso una copia di quella registrazione.

Si trattava del medesimo concerto ma la qualità del suono era in alcuni punti migliore.


Qualche anno fa, Maurizio Comandini entrò in contatto con un musicista bolognese, Charlie Rocketto, che anche lui aveva fatto una registrazione di quel concerto. Gentilmente lasciò una copia a Maurizio e questa è la terza fonte di registrazione in circolazione…


In genere questi nastri vengono scambiati a titolo gratuito tra i fans e la cosa è tollerata.dalla Authentic Hendrix LLC, purchè non si tratti di registrazioni pubblicate ufficialmente.

Nel corso degli anni però c’è sempre stato qualche avvoltoio che ha pensato di speculare con queste registrazioni, non avendone tra l’altro alcun diritto. Sono quindi usciti diversi bootleg di scarsa qualità di quel concerto, tempo fa addirittura un tale diceva di possedere i diritti di quelle registrazioni e chiedeva qualche migliaio di Euro su ebay…...Solo delle eccellenti registrazioni professionali possono valere così tanto e i diritti appartengono comunque esclusivamente alla famiglia di Hendrix.


Janie Hendrix ha alle spalle un esercito di agguerriti avvocati, gli speculatori sono avvisati


Ad esempio, la registrazione di Woburn che è appena stata battuta all’asta, non può essere in alcun modo pubblicata senza il beneplacito degli eredi di Hendrix.

Speriamo che chi l’ha acquistata sia un filantropo e la metta a disposizione di tutti gratuitamente invece che lasciarla invecchiare chiusa in qualche cassaforte…

.

Tornando alla nostra registrazione la cosa strana è che di tutti i concerti italiani, si sia trovata solo quella del concerto al Palasport di Bologna e sebbene a quell’evento non fosse presente un pubblico numerosissimo, questa registrazione proviene da ben tre fonti diverse

A Roma, la Rai mandò degli operatori per riprendere Hendrix che arrivava da Milano e la troupe fece anche una breve ripresa al Brancaccio dove Jimi tenne 4 concerti e 2 jam session. Anche il regista Pierre Clementi fece delle brevi riprese. Possibile che nessuno del pubblico romano abbia pensato di registrare amatorialmente uno di questi eventi???

Chissà se il futuro ci riserverà nuove piacevoli scoperte, quanto a me non demordo… Con i debiti scongiuri FORSE esiste una registrazione del concerto di Milano del 23 Maggio 1968, se sarà vero questa sarà un’altra bella scoperta, speriamo ma fino ad allora non mi sbilancio.

Alla prox.




Questo è il link al sito della tribute band di Brak Bruno Rossetti

http://spazioinwind.libero.it/jimihendrix/index.html

Posta un commento