lunedì 29 settembre 2008

Emergono inediti di Jimi Hendrix

Finalmente, dopo quarant'anni, vedranno la luce dei brani, mai editi in passato, registrati da Jimi Hendrix in compagnia dei Ghetto Fighters e altri inediti con Stephen Stills.

The Ghetto Fighters
Il chitarrista di Seattle fu protagonista, negli anni Sessanta, di session in compagnia dei gemelli Taharqa Aleem e Tunde Ra: parte del frutto di questo lavoro trovò sbocco, in passato, in alcune compilation postume (Cry of love, War Heroes, Doriella du Fontaine), ma il materiale in procinto di essere pubblicato dalla we-R-you - (Compagnia fondata dai fratelli Aleem) assicura CMU Daily - non è mai stato distribuito sul mercato.

Doriella Du Fontaine



Le composizioni, verranno pubblicate insieme a schizzi originali tracciati dallo stesso Hendrix,un'autobiografia, una serie di brevi storie animate per la televisione e il web, e vignette fatte da Hendrix, che oggi, nel mondo della realtà virtuale sono note come Avatar.

"Quando vedrete i suoi disegni, e avrete modo di apprezzare come siano stati rielaborati dalle tecnologie oggi disponibili, resterete stupefatti", ha affermato Tunde Ra.
Gli Aleem hanno incontrato per la prima volta Jimi Hendrix, a metà degli anni '60 e insieme a lui hanno registrato tre album, “Cry of Love,” “Rainbow Bridge” e “War Heroes.”
"Jimi è stato un vero visionario", secondo Taharqa Aleem, "la cui creatività è andato ben al di là della musica."

"Egli vide il futuro e mentre egli non poteva capire i computer o conoscere la tecnologia digitale e i mondi virtuali, egli sapeva che queste cose sarebbero avvenute e creò del materiale che sarebbe servito in questo mondo". Aggiunge il fratello Tünde Ra," Jimi potrebbe non avere saputo cosa fosse un Avatar, ma egli prevedeva un giorno in cui avremmo tutti avuto rappresentazioni di noi stessi che possono muoversi in mondi diversi."

Il Ghetto Fighters si sono formati nel 1970 con Jimi e gli Aleem Brothers (che sono gemelli identici) per esplorare nuovi orizzonti che andavano al di là del lavoro che Jimi aveva fino allora fatto, espandere i suoni con cui egli stava lavorando, questo era il progetto.
"Il materiale sarà distribuito in segmenti," secondo LeWinter Allen, direttore di branding e marketing officer di we-R-you, che è a capo del progetto.
"E'come trovare un tesoro più grande di quanto si sarebbe potuto immaginare e bisogna che ogni elemento debba essere rilasciato nel proprio tempo e modo", ha continuato LeWinter.
"Gli Aleems sono dotati di incredibile talento ma allo stesso tempo sono incredibilmente cauti e inizieranno le pubblicazioni solo quando saranno risolti alcuni dettagl sui diritti tra gli eredi di Jimi Hendrix e The Ghetto Fighters".

Mojo Man (uno di brani inediti)



A proposito dei fratelli Aleem:
Tunde Ra e Taharqa Aleem hanno iniziato la loro carriera lavorando con i grandi del Rhythm & Blues, come Sam Cook, Sam & Dave, Otis Redding, Big Maybelle, Bobby Womack, Clarence "Blowfly" Reid e molti altri.
Conobbero il funzionamento interno del music business attraverso la loro collaborazione con la leggenda di Harlem, Fat Jack Taylor, proprietario del marchio indipendente Ro-Jack Records.
Più tardi, Taharqa Aleem e Tunde Ra fondano il famoso Harlem World Club con Taylor, che ha dimostrato di essere stato un vivaio per un gran numero di artisti pionieri del rap.
Mentre lavoravano per la Ro-Jack Records, gli Aleems incontrarono per la prima volta Jimi Hendrix ,mentre ancora suonava come sideman e girava gli States con Little Richard, gli Isley Brothers e altri.
Poco dopo, Jimi, Taharqa e Tunde Ra avrebbero condiviso un appartamento a Manhattan's Park West Village e formato un legame indelebile tra i fratelli e Jimi, così nella vita come nella carriera.

Stephen Stills
In questi mesi di Stills si parla molto per la possibile uscita di un disco che l'artista di Dallas realizzo' con Jimi Hendrix, poco prima della sua scomparsa.
John McDermott, uno degli archivisti e curatori delle registrazioni dello scomparso chitarrista, sentito da un sito specializzato britannico ha confermato, pur senza entrare nei dettagli, che è effettivamente in preparazione un disco con brani di Stills ed Hendrix. McDermott, nominato coproduttore del lavoro, ha aggiunto che Stills sta collaborando con l’azienda Experience Hendrix e che i brani furono registrati tra il 1969 ed il 1970.

Send my love to Linda/Live and let die (Dallas Taylor on drums, Stephen Stills on bass, and Jimi on guitar)





Stephen Stills è stato uno stretto amico di Jimi Hendrix e session precedenti che coinvolgono i due chitarristi sono emerse già tra i collezionisti - in particolare - the Stills’ Basement bootlegs.Ma l'autenticità di alcune di queste tracce è stata messa in dubbio.

Old Times, Good Times



Una traccia con Hendrix alla chitarra - 'Old Times, Good Times' - apparve su 'Stills' omonimo primo album solista nel 1970.
Tra le canzoni varie canzoni ritrovate figurerebbe anche la famosa “White nigger”.
ma non la versione apparsa su Manassas nel 1972.
Nella registrazione qui proposta sembra come se qualcuno avesse riportato tutte le tracce registrate senza alcun mixaggio. Sicuramente qui mancò il mixaggio finale di Jimi.
Si possono sentire multiple tracce di chitarre che Jimi avrebbe poi armonizzato come faceva nella primavera '70, vedi (Freedom, Dolly Dagger...)

White Nigger



Il sito riporta anche l’opinione di un’altra persona, la quale ha preferito non declinare le proprie generalità, che è al lavoro sul progetto; secondo la fonte si tratterebbe essenzialmente di materiale di Stills, con Hendrix che gli dà una mano, più che di una collaborazione vera e propria.
Posta un commento