lunedì 26 gennaio 2009

Johnny Winter Interview



Steve Paul, che era il mio manager, aveva un club chiamato Steve Paul's
The Scene, che era il locale rock più alla moda in New York nel 1968.
Tutte le "groupies", le più belle erano là, i musicisti sempre in cerca di ragazze
andavano là, così funzionavano le cose. C'erano sempre delle jams molto interessanti al Scene.
Quanto buone fossero, poi dipendeva anche da quanto fossero fatti i musicisti.
Ora,ovviamente, appena ascoltai il primo disco di Jimi, m'innamorai della sua musica,
fu così una cosa naturale per me voler suonare con lui
Jimi era veramente interessato nel suonare la chitarra slide e mi sembrava contento
di suonare con me.
Tutte le dannate notti aveva del tempo prenotato per registrare al Record Plant,
e tutte le notti ci portava qualcuno diverso.
Quando il Scene chiudeva si andava al Record Plant per registrare qualche jams. Poi
Jimi li avrebbe riascoltate il giorno dopo per attingere nuove idee.

Earth blues jam w/Johnny Winter 7 maggio 1969 (Record Plant)



Non registravamo delle vere canzoni durante quelle jams, a parte una canzone
sullo stile di Guitar Slim intitolata "The Things I Used To Do"
Io suonavo la chitarra slide e Jimi l'altra chitarra e in più cantava.
Per quel che mi ricordo fu l'unica canzone che registrammo insieme.

The Things I Used To Do



Il resto sono tutte cazzate, tipo quella registrazione con Jim Morrison,
lì io non c'ero non ho nemmeno mai incontrato Jim Morrison.
Abbiamo fatto un mucchio di jam session agli Hit Factory, roba
registrata su nastro, ma da quel che ricordo, nulla che potesse
chiamarsi canzone.
Quando io e Jimi ci incontrammo ciascuno aveva il proprio stile
e ognuno imparava dall'altro, sono sicuro che ci sono delle piccole
cose nel mio modo di suonare che provengono da Jimi ma sono talmente
entrate nel mio modo di suonare che non me ne accorgo neanche più.
Forse sono entrate così profondamente in me perchè sebbene io e Jimi avessimo modi di suonare
differenti, abbiamo però lo stesso background musicale.
Abbiamo entrambi imparato ascoltando gente come Howlin' Wolf e Muddy
Waters. Jimi era molto a suo agio con il blues; poteva suonare del buon blues genuino,
li conosceva bene tutti quei tizi.
Quello che Jimi era veramente? Un grande musicista di blues elettrico, ha dilatato questo genere di musica.


Ha aggiunto più accordi, non si è limitato al classico giro di tre accordi, ma quello
che suonava era comunque puro blues. Aveva così tanto feeling e lo espandeva con l'elettronica,
qualcuno potrà pensare che si aiutasse con trucchetti elettronici, in realtà c'era dietro un sacco di lavoro.
Mi sono sentito un'imbranato quando ho cominciato ad usare quelle cose le prime volte, ma Jimi
invece riusciva a combinare tutti questi effetti e ottenere il massimo, era affascinante quello che riusciva a fare
era come se suonasse con un altro strumento. Era blues, era Jimi, la musica del ventunesimo secolo.
Jimi prendeva ispirazione da chiunque ma poi lo rielaborava e il risultato era la sua musica incredibile.
Non credo che qualcun altro potrà fare quello che ha fatto lui.

Johnny Winter plays Red House




Mi hai chiesto com'era Jimi di persona?
Beh la cosa a cui era veramente interessato era la musica e ... gli piacevano le ragazze.
Non l'ho mai sentito parlare di politica o altro.
Era una persona molto socievole ma in qualche modo un po' distante, come dire? Non certo la persona che ti confida
i suoi problemi.
. Quando diventi famoso non puoi aprirti a tutti.
A Jimi piaceva Billy Cox, perchè Billy lo conosceva realmente sin da prima che raggiungesse la notorietà.
Vedi, quando arrivi a questo punto tutti pensano di conoscere tutto di te, in realtà sei molto, molto solo.
Jimi non aveva nessuno che si prendesse cura di lui, questo era un suo grande problema.
Ognuno voleva qualcosa da lui.Peccato che Jimi non si sia preso cura di Jimi, se solo
ci fosse stato qualcuno lì a dirgli"Hey man, vai in ospedale per un po'e tienti lontano dalla droga.
Prenditi una pausa e pensa a quello che vuoi fare veramente" sicuramente questo avrebbe fatto la differenza
ma in quei giorni le droghe erano viste come un qualcosa di positivo
e Jimi era visto come il re psichedelico; Jimi e Janis erano visti come il re e la regina
della cultura psichedelica e entrambi sono morti. Verso la fine , le ultime volte che lo vidi, Jimi appariva sempre più depresso
come se presagisse che era giunto al termine.
Posta un commento