martedì 2 giugno 2009

No Such Animal (part 1 & 2)


Nel settembre del 1965, il giovane Jimmy ne ebbe abbastanza di suonare la chitarra nelle tournè di Little Richard, degli Isley Brothers e di altri.
Era stanco dell'oscuro ruolo di gregario e di non potersi esprimere come voleva con lo strumento.
Decise quindi di stabilirsi nell'area tra New Jersey e New York, probabilmente pensando che era meglio per la sua carriera crearsi un nome ed un seguito locali e magari un contratto discografico.

Come da sempre, Jimmy non navigava in buone acque e non possedeva nemmeno una chitarra per suonare, in quanto la sua l'aveva impegnata per pagare l'affitto del misero albergo in cui viveva con Fay Pridgeon.
Fu in quel periodo che conobbe Curtis Knight, un musicista del Kansas trapiantato a New York un paio d'anni prima.

Knight era un chitarrista cantante che aveva fondato un suo gruppo, The Lovelights che poi sarebbe diventato Curtis Knight & the Squires.
Knight venne presentato al produttore discografico Ed Chalpin, gestore dello Studio 76 all'angolo fra la Cinquantunesima e Broadway. Con la musica soul in piena esplosione, Chalpin pensò di poter guidare Knight verso la celebrità e gli fece firmare un contratto nel quale teneva per sé il ruolo di produttore e manager.

Coll'incentivo di una Fender Stratocaster, Curtis Knight convinse Jimmy ad entrare nella sua band gli Squires.
Con questo gruppo Jimmy collaborò per nove mesi, fino a poco prima che venisse scoperto da Chas Chandler.

Ricorda Curtis Knight:
Ci conoscemmo un giorno, nel salone dello squallido Hotel America, nella Quarantasettesima Strada dove Jimmy, che ai tempi si faceva chiamare James Maurice, abitava.
Jimmy era "tra una chitarra e l'altra", avendo appena impegnato l'ultima per pagarsi cibo e affitto. Allora io uscì per andare a prendere l'altra chitarra e un amplificatore per Jimmy e lui salì nella sua camera al settimo piano ad attendermi. Quando, alla fine, Jimmy iniziò a suonare, restai senza parole, già immaginando le prospettive che si sarebbero potute aprire agli Squires con un chitarrista di quel livello.

Jimmy, che era praticamente disoccupato, non si fece ripetere due volte l'offerta di lavoro, oltre alla chitarra, Curtis Knight e il suo gruppo suonavano per tre o quattro sere alla settimana... finalmente un po' di ossigeno pensò Jimmy.

Potendo contare su questo mago della chitarra da poco divenuto suo amico, Curtis si presentò da
Ed Chalpin allo Studio 76.
Quando il produttore si rese conto delle capacità di Jimmy non perse tempo e il 15 ottobre 1965 gli fece siglare un contratto a senso unico con la sua compagnia, la PPX Enterprises.
Jimmy non aveva la minima idea di cosa fosse il mondo degli affari musicali e le ripercussioni di
quei fatali tratti di penna si sarebbero fatte sentire per parecchio tempo.


Jimmy si impegnava, per tre anni, "a produrre, suonare e/o cantare in esclusiva per la PPX Enterprise. Gli veniva concessa pochissima voce in capitolo riguardo agli arrangiamenti, nessun controllo sul materiale inciso e nessun contributo economico per strumenti e amplificazione tranne quel che gli sarebbe rimasto del suo 1 per cento di percentuale (che avrebbe cominciato a ricevere solo quando la PPX avesse ammortizzato tutte le spese per lo studio di registrazione). Jimmy riceveva in cambio 1 dollaro e "ogni altro compenso accettabile", frase il cui significato
restava oscuro. Alla fin fine tutto questo significava che Jimmy poteva venir usato come musicista di studio senza ricevere il compenso dovuto.

La prima registrazione di Hendrix con gli Squires in studio fu probabilmente "No such animal", un blues-rock in La-bemolle, interamente composto da Jimmy.
Il brano dura quasi cinque minuti ed evidentemente per motivi commerciali poi si è pensato di dividerlo in due parti.
In questo pezzo, Jimmy suona una Fender Duo-Sonic mentre al basso c'è Marvin Held, Marlon Booker alla batteria e probabilmente Ed Dantes all'organo (non c'è Curtis Knight).
Questa acerba creazione di Jimi fu registrata tra l'ottobre/novembre 1965 nello Studio 76 di Ed Chalpin a New York.
"No such animal" venne pubblicata per la prima volta, postuma in Inghilterra appena cinque mesi dopo la morte di Jimi.



Poichè questa è la prima testimonianza di un brano interamente composto da Jimi, prima degli Experience ed è la prima registrazione con gli Squires, credo che questo sia per molti versi un brano storico nella discografia di Jimi Hendrix.

Stranamente però questa canzone è quasi sempre stata ignorata sia dai fans che dagli "esperti", nelle varie Setting the record straight, Electric Gypsy o Sessions (autorevoli guide sulla discografia di Jimi) o nella biografia di Curtis Knight, "no such animal" viene scarsamente o per niente menzionata.

Posta un commento