domenica 27 settembre 2009

Jimi Hendrix e Stevie Wonder

Questo è il racconto della storica jam session con Stevie Wonder in base alle testimonianze dell'epoca.

Il 6 ottobre 1967 , Jimi Hendrix con gli Experience si recano al Playhouse Theatre di Londra per registrare delle sessions per il programma radiofonico Top Gear prodotto dalla BBC.

Ricorda Noel Redding:
...In pratica noi degli Experience avevamo già finito di registrare per la BBC e a Mitch Mitchell venne in mente di fare, non ricordo cosa, così si assentò per un momento... Stevie Wonder che doveva anche lui suonare quella sera al Playhouse , venne da noi e semplicemente disse "Ciao, come va?". Si sedette dietro la batteria e si mise a suonare. Non sono sicuro se Jimi l'avesse conosciuto prima e si fossero accordati per suonare insieme, però ugualmente iniziammo una jam session, così senza neanche i microfoni cominciammo a suonare una versione strumentale di "I was made to love her" una delle hit di Stevie. Fu veramente divertente, ci gridavamo l'un l'altro il testo della canzone e continuavamo a ridere.


Ricorda Bernie Andrews produttore del programma Top Gear:
Jimi sembrava sempre sballato/fumato ma in un modo positivo. Era molto gentile, cooperativo ed era estremamente facile lavorare con lui.



Ricorda Pete Ritzema tecnico audio per Top Gear:
Stevie volle suonare la batteria per distendersi i nervi prima di essere intervistato da Brian Matthew.
Capitò per caso che Stevie Wonder sentì Jimi e Noel strimpellare per qualche minuto "I was made to love her", così andò da loro e si unì alla batteria.

Non ricordo che Stevie abbia cantato, fu piuttosto una cosa molto informale...
Di Hendrix ebbi l'impressione fosse un ragazzo timido, gentile e sempre pronto a sorridere.

Era molto insicuro circa le sue qualità vocali e quando si dovette registrare la traccia con la sua voce, Jimi insistette affinchè venissero montati degli schermi intorno al microfono, perchè altrimenti, diceva, Noel e Mitch l'avrebbero fatto ridere.


Posta un commento