venerdì 11 novembre 2011

Un festival per il compleanno di Jimi Hendrix

Happy Birthday Jimi!
Free Jimi Hendrix Festival

Bloom di Mezzago(MI)

Via Curiel, 39 Mezzago (MI)

27 Novembre 2011
dalle ore 18,00

Ingresso Libero



La sera del 26 novembre 1942, Lucille Jeter accompagnata dall'amica Dorothy Harding si recò al King County Hospital di Seattle in preda alle doglie.
Il giorno seguente (27 novembre) alle dieci e un quarto della mattina, dopo un lungo e difficile travaglio,la diciasettenne Lucille diede alla luce un bambino del peso di tre chili e sei etti circa.
Il piccolo aveva moltissimi capelli, occhi grandi, un colorito pallido come la madre e un sedicesimo di sangue Cherokee nelle sue vene.
Lucille lo chiamò Johnny Allen Hendrix, nome che poi sarebbe mutato in James Marshall Hendrix e in seguito, conosciuto da tutti come JIMI HENDRIX.

Se Jimi fosse ancora tra noi, adesso compirebbe 69 anni e chissà dove il suo spirito libero avrebbe condotto la musica.... chissà... ma credo che, se così fosse stato, sicuramente molte cose del panorama musicale odierno sarebbero diverse.
In pochi anni di carriera Jimi Hendrix ha rivoluzionato il modo di suonare e intendere lo strumento
Ha influenzato generazioni di chitarristi e il suo genio ha ispirato moltissimi musicisti in tutto il mondo.
Ancora oggi la musica di Hendrix affascina come 40 anni fa e ancora molti sono i suoi fan anche tra i giovanissimi.

Per questo il 27 Novembre prossimo al Bloom di Mezzago (MI) , storico locale rock del milanese, si festeggerà il compleanno di Jimi Hendrix con una serata interamente dedicata al grande mancino di Seattle.

Sono invitati TUTTI gli hendrixiani d’Italia!!!

Vi parteciperanno gruppi e musicisti da tutta la penisola, inoltre direttamente dall'Olanda, il grande conoscitore hendrixiano e affermato musicista Rudy Kronfuss, ma non solo.....

Comunque qui di seguito una breve descrizione dei gruppi e artisti che si esibiranno:

GYPSY RAINBOWS



Simone Galassi modenese, eclettico axeplayer, il Jimi da lui preferito è quello dei primi del 67, veloce allegro e rombante, ha nel repertorio brani poco rivisitati come Drivin south, Wait until tomorrow....etc-...

Enrico Menabue bandiera chitarristica modenese, capisce che al buon solista hendrixiano quel che manca è un chitarrista che suoni il basso, e lui fa proprio questo.

Marco Soverini bolognese è il Mitch Mitchell della situazione.

Con loro ospite d’eccezione ci sarà:

GAETANO SORRENTINO



Gaetano è il Jimi Hendrix di Ponticelli (NA), perchè oltre ad essere un grande hendrixiano, un vero "keeper of the flame", è anche un chitarrista dallo stile molto personale che trasmette al sound di Jimi il calore del Vesuvio e la spontaneità partenopea.

VOODOO GROOVE




Tributo veronese al magic boy di Seattle, band attiva da un decennio, i Voodoo Groove si distinguono per ricreare lo stile musicale e sonoro caratteristico dei live di Hendrix post Band of Gypsys.
All'inizio di quest'anno sono stati ospiti della trasmissione televisiva "Battle of the bands".

Silvio Grando (chitarra & voce), Nicola “Bisciu” Righetti (Jazz bass) e Francesco "Zanze" Salandin (batteria).

ADALBERTO ZAPPALA'



Forse qualcuno entrando nel sito di Adalberto si chiederà "ma che c'azzecca un maestro di yoga e di sitar con la musica di Jimi Hendrix?"
.... Ebbene, per chi non lo sapesse, lui è un' hendrixiano di ferro, uno di quelli della prima ora. Quando s' "innamorò" di Jimi era il lontano 1967 e ancora oggi trova ispirazione nella sua musica.
Adalberto è un vero artista , un grande musicista eclettico con una lunga carriera alle spalle.
Le sue esperienze musicali spaziano tra i generi più disparati, dalla collaborazione con i "Fratelli La Bionda" negli anni '70, alla musica musica celtica e quella indiana di adesso.
Ma Adalberto ha sempre Jimi nel cuore e in questa serata gli renderà omaggio interpretando alcuni brani in maniera acustica esaltando le armonie hendrixiane.

VOODOO CHILE

E' un quartetto elettrico / semiacustico di Milano attivo da più di 20 anni, che rivisita in chiave personale e melodica i pezzi del grande chitarrista mancino cercando, secondo lo spirito di Jimi, di esplorare nuove opportunità musicali anche collaborando con musicisti che suonano strumenti che apparentemente hanno poco a che fare con le classiche sonorità hendrixiane e reinterpretando così la musica di Hendrix in chiave inedita.
Da ricordare le esibizioni con Dino Pelisserio (flauto) oppure quelle con Alberto Marsico (hammond).
I pezzi di Jimi vengono in questo modo miscelati con una dose maggiore di blues e alleggeriti dalla psichedelia elettrica in modo da porre in evidenza l'affascinante tecnica compositiva e la dolce melodia hendrixiana creando un atmosfera acustica ed evocativa dei mitici anni 60.
Da ricordare anche la loro collaborazione col compianto Noel Redding.
I VODOO CHILE sono : Osvaldo Licciardi alla chitarra acustica ed elettrica,
Umberto Longhi chitarra acustica e voce,
Roberto Marra Basso elettrico
Jamiro Quaini batteria/ congas e percussioni.

RUDY KRONFUSS




Nasce a Vienna da una famiglia di musicisti da cui riceve un background classico.
Inizia a suonare la chitarra all’età di 13 anni e quando vide in concerto Jimi Hendrix nel 1969, ne rimase fulminato.
A 17 anni forma il suo primo gruppo con cui compone le sue prime canzoni e poco meno che ventenne le sue composizioni raggiungono una certa notorietà tanto che alcuni suoi brani entrano nelle classifiche delle radio austriache.
Nel 1974 mentre si esibisce in tour in Olanda con il suo gruppo decide di trasferirsi li dove poi continuerà la sua carriera.
Nel 1984 completa con successo i suoi sei anni di studio di chitarra jazz al Royal Conservatory di Hague mentre nel 1994 si diploma in composizione e arrangiamento al conservatorio di Rotterdam.
Dal 1984 ad oggi insegna al "GLOBE" Central Music School di Hilversum (Olanda).
Rudy oltre ad essere un grande artista è anche un esperto hendrixiano che collabora attivamente alla ricerca di testimonianze, registrazioni e quant’altro riguardo a Jimi.



Tra le esibizioni delle varie band ci saranno delle performance artistiche sulle musiche di Jimi Hendrix delle ragazze della scuola di danza di Marinella Marchiori.
Forte di un esperienza più che ventennale nel campo della danza classica e moderna, il corpo di ballo di Marinella Marchiori propone da oltre un anno energiche coreografie su alcune delle più belle canzoni della produzione hendrixiana, sottolineando come questa musica non sia solo "cibo" per le orecchie, ma per tutto il corpo.
Lo stesso Hendrix durante gli show, forse ereditando la passione dei genitori (entrambi abili danzatori di jitterbug), usava muoversi al ritmo scatenato del proprio sound, abbracciando la chitarra come sua partner ideale



Durante tutta la kermesse saranno esposte le opere di soggetti hendrixiani del Maestro modenese Franco Ori.

Enzo Gentile (giornalista, scrittore, critico musicale) e Roberto Crema (curatore di codesto blog) parleranno di chi?
Ma ovviamente di Jimi!!!!

… E poi se non bastasse verranno proiettati dei filmati per la maggior parte INEDITI!!! Vedremo Jimi passeggiare per le vie di Parigi nel 1967 (non è il solito filmato b/n che gira su youtube), un’inusuale Purple haze e Wild thing a Ipswich, oppure una Dolly Dagger alle Hawaii e altro...

L’ingresso è gratuito

Quindi adesso dateve da fà, movete er culo e venite numerosi!!!