martedì 22 gennaio 2013

Una nuova iniziativa ! JIMI HENDRIX FOREVER


Vi ricordate di Fabio? quel nostro amico di Lercara Friddi che ha fatto intitolare una via del suo paese a Jimi Hendrix.
http://jimihendrixitalia.blogspot.it/2012/11/un-bel-regalo-di-compleanno-per-jimi.html



Ebbene abbiamo ricevuto una sua mail in cui ci illustra di un'altra lodevole iniziativa.
Eccola pubblicata qui di seguito:

 Carissimi,
 nella considerazione che avete già dato notizia della titolazione di una strada a Jimi Hendrix nel Comune di Lercara Friddi (PA) volevo rendervi partecipi di quanto segue.
 Spinto anche dalla voglia di dare una risposta concreta a chi ha ritenuto offensivo volere dedicare una strada al mitico Jimi Hendrix e leggermente preoccupato che, nonostante tutto, qualche Amministratore Comunale del mio paese potesse (in futuro) accogliere la futile istanza del gruppetto di censori locali, mi sono messo in mente e nel contempo ho messo in pratica una iniziativa forse curiosa ma che ha già iniziato a dare qualche frutto.
Ho deciso di contattare tutti i Comuni d'Italia (per la cronaca 8092, ed in realtà, escludendo il mio e quello di Lanuvio in provincia di Roma, 8090) invitando i Sindaci a volere titolare, se possibile, anche una semplice stradina, piazzetta, vicolo, etc. a Jimi Hendrix.
 Per questo motivo, dal 2 gennaio c.a., dopo aver attivato la PEC governativa (quella gratuita per intenderci), ho iniziato il mio giro d'Italia virtuale a suon di PEC e, quando non possibile, di mail ordinaria o fax: al momento sono giunto in Puglia ... ho cioè contattato tutti i Comuni siciliani e calabresi, ricevendo anche risposte positive da parte di alcune Amministrazioni Comunali che condividono ed apprezzano la mia iniziativa, segno che in futuro potrebbero esserci altre via Jimi Hendrix in Italia che, quantomeno, potrebbero consolarmi se davvero (ribadisco il concetto) qualche Amministratore Comunale del mio paese potesse (in futuro) accogliere la futile istanza del gruppetto di censori locali!

 Ma andiamo con ordine … di seguito riporto il testo della mail che sto al momento inviando ai Comuni della Puglia (ho già completato la provincia di Bari).

Carissimo Sindaco, 

mi chiamo Fabio Pillitteri e sono un dipendente del Comune di Lercara Friddi (PA). 
Recentemente il mio Comune ha voluto titolare una strada del nostro centro abitato ad un personaggio che ha contribuito in maniera decisiva alla cultura musicale (e non solo) mondiale … Jimi Hendrix. 
 Chi sia stato e che cosa abbia fatto Jimi Hendrix nella sua breve esistenza credo sia risaputo … per eventuali approfondimenti è possibile comunque documentarsi cliccando sul seguente link: http://it.wikipedia.org/wiki/Jimi_Hendrix … qualcuno potrà dire che la sua tecnica con la chitarra non sia stata molto ortodossa, qualcun altro che non fosse un gran che come cantante, forse discutibile lo stile di vita, etc. … nessuno però può negare che sia stato un genio nel suo tempo. 
 A seguito della titolazione sopra citata, a parte sparute voci fuori dal coro di pochi moralisti, diverse mail di apprezzamento sono pervenute al Comune di Lercara Friddi e diversi siti web non prettamente istituzionali hanno trattato la notizia, dando la giusta pubblicità ad un evento unico per la sua particolarità. Di seguito un elenco di link (in costante crescita) della notizia:

 http://www.magaze.it/wps/2012/10/30/lercara-friddi-intitolera-una-strada-a-jimi-hendrix/ http://jimihendrixitalia.blogspot.it/2012/11/un-bel-regalo-di-compleanno-per-jimi.html http://suonarechitarra.com/2012/12/10/via-jimi-hendrix-lercara-friddi-pa/ 
 http://www.piccionline.net/via-jimi-hendrix-di-lercara-friddi-pa/
 http://www.radiolombardia.it/rl/musicnews.do?id=33642 
http://www.metal.it/note.aspx/30311/intitolata-una-via-a-jimi-hendrix-in-un-piccolo-comune-di-palermo/ http://vintagerockforum.altervista.org/forum/viewtopic.php?f=50&t=1091 

Come detto sopra, diverse mail di apprezzamento sono pervenute (e continuano a pervenire) al Comune di Lercara Friddi, segno che tanti hanno condiviso la scelta anche perché, come è stato scritto … dare il nome di JIMI HENDRIX ad una strada è sinonimo di cultura, di stile, di modernità, di insegnamento per ciò che la musica ha dato e continuerà a dare sempre in futuro …ed anche perché così facendo si è dimostrato … che non tutte le classi amministratrici sono ferme anni luce dal presente … 
Probabilmente a questo punto vi starete chiedendo: … ma con tutti i problemi che ci sono in Italia, questo qui non ha altro da fare??? 
 Effettivamente potrei “sprecare” meglio il mio tempo … però in questo momento mi sono messo in testa di tentar di realizzare (anche in minimissima parte) un’impresa difficile … 
Con questa mia mail vi chiedo, come a suo tempo “chiesi” all’Amministrazione Comunale del mio paese, di titolare (chiaramente se possibile e se la cosa non urti la suscettibilità di qualche moralista locale) a questo grande artista del XX secolo anche una semplice stradina, viuzza, vicoletto o piazzetta del vostro centro abitato (sicuramente c’è qualcosa che non ha ancora un toponimo), confidando nella vostra sensibilità, anche nella considerazione che titolare una strada a Jimi Hendrix per Lercara Friddi (PA) è stata una ventata di aria fresca che ha consacrato il mio Comune (ed altrettanto potrebbe fare per i Vostri) quale apripista di un cambiamento notevole nella mentalità statica e bacchettona di questa nostra cara vecchia Italia. 
Ribadisco che la mia è solo una richiesta … un tentativo di realizzare un’impresa difficile … datemi comunque la possibilità di tentare. 
Grazie, comunque, per l’eventuale interessamento ed anche solo per aver letto questa mail! 

Fabio Pillitteri 

. … ho già contattato tramite PEC e, quando non possibile, tramite mail ordinaria o fax tutti i Comuni della Sicilia e della Calabria; con un po’ di tempo e pazienza cercherò di concludere il mio giro d'Italia virtuale, contattando cioè tutti gli 8090 Comuni italiani (escludendo il mio e quello di Lanuvio in Provincia di Roma dove già esiste una via Jimi Hendrix) entro la primavera prossima.

 … come spesso accade in tutti i Comuni, è probabile che il Sindaco non si occupi di leggere in prima persona questa e tutte le altre mail che pervengono all’indirizzo istituzionale (nel mio Comune generalmente se ne occupa l’Ufficio Protocollo o l’U.R.P.), pertanto prego i colleghi dipendenti comunali che leggeranno la presente di non cestinarla immediatamente, ma di farla visionare a chi di competenza (Sindaco, Assessori, Consiglieri, Capi Servizi, etc.) … augurandomi che qualcuno possa prenderla in considerazione. In ogni caso, se anche un solo Comune d’Italia accogliesse la mia richiesta sarebbe comunque un grande successo.

Grazie ancora. Questo in pratica il messaggio che ho inviato e continuo ad inviare a tutti i Comuni d’Italia. Non vi nascondo le difficoltà incontrate in quanto non tutti i Comuni italiani hanno una PEC inserita nell’indirizzario delle pubbliche amministrazioni del sito www.postacertificata.gov.it: in questi casi ho dovuto inviare una mail ordinaria agli indirizzi che ho, di volta in volta, ricavato dai siti istituzionali … quando non è stato possibile anche inviare una semplice mail ho dovuto ripiegare su un messaggio fax.
 Dopo aver inviato le mail (max 50 indirizzi se PEC e max 25 indirizzi se mail ordinaria), come un pescatore che ha calato le reti, me ne sto in attesa … subito dopo vado su “posta inviata” per accertarmi dell’esito degli invii: non vi immaginate quanti messaggi di Mail Delivery Service mi capita di ricevere ed allora mi tocca ritornare sul sito istituzionale del Comune in questione e cercare altri indirizzi alternativi augurandomi che vengano accettato dal sistema, etc., etc. …
Anche quando il messaggio viene consegnato (se PEC) o letto (se mail ordinaria) non è detto che il mio collega dipendente comunale preposto al servizio passi l’informazione agli Amministratori (per quanto mi riguarda se non ricevo messaggi di Mail Delivery Service, il messaggio è O.K. e procedo oltre …).
 A questo punto starete pensando che mi sono un po’ fissato (onestamente comincio quasi a pensarlo anch’io) ma in verità quando inizio una qualsiasi cosa cerco sempre di portarla a termine nel miglior dei modi … ed in fondo non sto facendo nulla di male … anche questa, come la titolazione della mia strada, è una cosa un po’ particolare e (per alcuni) strana!
Nel ringraziarvi (anche se, per alcuni di voi, un po’ in ritardo) per la notizia già data (come avrete letto, i vostri link sono nel corpo della mail che sto inviando ai Sindaci) vi saluto con la promessa che quanto prima scriverò anche ai vostri Sindaci.

 Relativamente alla titolazione della via Jimi Hendrix a Lercara Friddi (PA), qualche messaggio di apprezzamento via mail (sicuramente grazie a quanto da voi pubblicato) è giunto al mio Comune e qualcuno dei miei concittadini, fermandomi per strada, mi ha fatto i complimenti per l’iniziativa … questo per me è motivo di gratificazione per il poco che ho fatto e mi spinge a portare avanti l’attuale “missione” … una, dieci, cento, mille, ottomilanovantadue vie Jimi Hendrix in Italia!

  Fabio Pillitteri

mercoledì 16 gennaio 2013

JIMI HENDRIX “PEOPLE, HELL & ANGELS”



IN USCITA IL 5 MARZO 2013



“Registrazioni studio inedite dal 1968 al 1970 rivelano per la prima volta una nuova dimensione sperimentale del leggendario chitarrista, oltre l’Experience trio”
“Somewhere”
Primo singolo estratto in pubblicazione il prossimo 5 febbraio.
Disponibile in versione Cd Single e 45 giri


* * * * *

Experience Hendrix LLC e Legacy Recordings, una divisione di  Sony Music Entertainment,  sono orgogliose di annunciare la pubblicazione di “People, Hell & Angels”, un nuovo e prezioso album con 12 brani inediti registrati in studio da Jimi Hendrix.

“People, Hell & Angels” ci presenta il leggendario chitarrista al lavoro al di fuori dell’Experience trio. A partire dal 1968  la crescente inquietudine artistica e la grande voglia di sviluppare nuovo materiale portò Jimi Hendrix a lavorare con vecchi amici e nuovi ensemble.
Lontano dalla pressione dell’enorme audience, che aveva appena  decretato “L’Experience trio tour” campione d’incassi e dietro il successo di 2 album simultaneamente nella top ten Americana, Jimi era impegnato in studio, intento a creare la sua prossima grande “impronta” musicale.

Queste 12 registrazioni contengono una varietà unica di suoni e stili incorporando molti degli elementi – fiati, tastiere, percussioni e una seconda chitarra – che Jimi voleva inserire nella sua nuova musica.

People, Hell & Angels” ci presenta alcune delle migliori sessioni musicali di Jimi Hendrix mai pubblicate e ci apre un’irresistibile scorcio visivo sulla sua crescita quale cantautore, musicista e produttore. 
“People, Hell & Angels” sarà disponibile dal 5 marzo 2013 in versione Jewell box, Digipack e Doppio Vinile.


‘People, Hell & Angels”, titolo coniato dallo stesso  Hendrix, ci rivela le ambizioni e soprattutto le intenzioni dell’Hendrix “post-Experience” in quanto comincia a collaborare con nuovi musicisti – incluso Stephen Stills dei Buffalo Springfield, il batterista Buddy Miles, Billy Cox (con il quale Hendrix aveva servito il 101° battaglione dell’Areonautica   Americana e suonato nel famoso R&B “Chitlin” Circuit) e vari altri – creando nuovi fantastici sound per il prossimo grande capitolo della sua straordinaria carriera.

“People, Hell & Angels” è coprodotto da Janie Hendrix, Eddie Kramer e John McDermott.

Kramer incontrò Hendrix presso gli Olympic Studio a Londra nel Gennaio del 1967. Hendrix, che avrebbe compiuto 70 anni il 27 Novembre 2012, sviluppò un rapporto molto speciale con Kramer.  A conferma di cio’ Kramer lavoro’ su tutti gli album pubblicati in vita da Hendrix e registrò il famosissimo concerto di Hendrix a Woodstock nell’agosto del 69. Dal 1977, Kramer è in team con Janie Hendrix e John McDermont per supervisionare la pubblicazione di tutti gli album di Jimi Hendrix pubblicati dalla Experience Hendrix. 
La dozzina di performance inedite di Jimi Hendrix contenute in “People, Hell & Angels” include le seguenti tracce:  "Earth Blues," "Somewhere," "Hear My Train A Comin'," "Bleeding Heart," "Baby Let Me Move You," "Izabella," "Easy Blues," "Crash Landing," "Inside Out," "Hey Gypsy Boy," "Mojo Man" and "Villanova Junction Blues."


Un “compagno musicale” ed il successore di “Valleys of Neptune”, acclamatissimo dalla critica, del 2010 che presentava le ultime registrazioni dell’artista con la formazione classica degli Experience. “People, Hell & Angels” ci offre allettanti tracce e varie indicazioni sulla direzione che Hendrix avrebbe considerato di intraprendere per “First rays of the new rising sun”, il doppio album che sarebbe dovuto essere il sequel dello strepitoso “Electric Ladyland” del 1968.

Contrariamente ai suoi colleghi del tempo quali Bob Dylan e I Beatles, Jimi Hendrix era proprietario delle sue canzoni e dei master musicali. Hendrix non era obbligato a registrare la sua musica presso gli studi della sua casa discografica. Registro’  la sua nuova musica presso nuovi  studi indipendenti quali il Record Plant e lo Hit Factory di New York. Hendrix era talmente determinato nel registrare la sua nuova musica tanto da seguire contemporaneamente alla registrazione di quasi tutte le tracce di “People, Hell & Angels” anche  la costruzione del suo studio di registrazione: i magnifici Electric Lady Studios del Greenwich Village.

Janie L. Hendrix, Presidente/CEO di Experience Hendrix LLC, ha dichiarato, "Siamo veramente eccitati di poter pubblicare “People, Hell & Angels” durante la celebrazione del 70° anno della nascita di mio fratello”. La grande attualiatà (brilliance) dell’album ci aiuta a sottolineare (ribadire) quello che abbiamo sempre saputo: che non c’è mai stata e mai più ci sarà una potenza musicale uguale alla sua e che noi amiamo e prendiamo ispirazione da ciò che ci ha lasciato per il presente e per generazioni a venire…semplicemente per l’eternità” 

"People, Hell & Angels” ci fornisce ulteriori conferme della genialità di Jimi Hendrix” dice Adam Block, presidente della Legacy Recordings”. Nel lavorare con nuove sessioni ritmiche e nuovi strumenti, Jimi Hendrix stava allargando l’orizzonte della sua musica, creando nuove sonorità cariche di possibilità infinite.

* * * * *


People, Hell & Angels – Traccia per traccia

Earth Blues:
Completamente differente dalla versione inizialmente pubblicata in “Raimbow bridge” nel 1971 questo master del 19 dicembre 1969 include solo Hendrix, Billy Cox e Buddy Miles--- Funk puro e semplice.

Somewhere:
Questa nuovissima gemma musicale fu registrata nel Marzo 1968 con Buddy Miles alla batteria e Stephen Stills al basso. Completamente differente da qualsiasi altra versione i fans abbiano mai ascoltato.


Hear My Train A Comin':
Questa superba registrazione fù estrapolata dalla primissima sessione di registrazioni con Billy Cox e Buddy Miles ---la potentissima sessione ritmica con la quale più tardi registrò
l’innovativo album “Band of Gypsys”.
Jimi condivideva il profondo amore per il blues con Billy Cox e Buddy Miles. Entrambi capivano il desiderio di Jimi di creare cio’ che lui descriveva come un “nuovo tipo di Blues”.

Bleeding Heart:
Questo capolavoro di Elmore James è stato da sempre quello favorito di Jimi. Aveva suonato il brano all’inizio dell’anno con l’Experience al Royal Albert Hall e aveva tentato di registrarla a New York nelle settimane seguenti.

Registrata insieme alla sessione per “Hear My Train A Coming” nel Maggio ’69, il brano esprime tutta la ferma convinzione del tempo e dell’arrangiamento che Jimi desiderava.
Prima di cominciare Jimi istruì Cox e Miles relativamente al fatto che voleva ottenere un tempo completamente differente dall’arrangiamento standard. Poi lui “tuonò” in questa strepitosa interpretazione che risultò essere talmente grande,  da non poter esser paragonata a nient’altro.

Let Me Move You:
Nel marzo 1969 Jimi si ricongiunse con un altro vecchio amico, il sassofonista Lonnie Youngblood. Prima di esser scoperto da Chas Chandler nell’estate del 66, Jimi aveva dato un contributo con la sua chitarra, quale musicista turnante di studio, a Youngblood nel R&B single “Soul Food”
Questa sessione del marzo ’69 mostra Hendrix e Youngblood “duellare musicalmente” durante tutta la performance di questo velocissimo classico del rock e soul.

Izabella:
Conseguentemente al Woodstock festival, Jimi riunì il suo nuovo ensemble, Gypsy Sun e Raimbow, all’Hit Factory nell’agosto del ’69 con Eddie Kramer quale ingengere del suono. “Izabella” era uno dei nuovi brani che il chitarrista presento al festival e Jimi era determinato a perfezionarne una versione in studio. Questa nuova versione è marcatamente differente da quella proposta dalla Band of Gypsys e pubblicata dala Reprise Records nel 1970 con Larry Lee, un vecchio amico di Jimi dei tempi del famosissimo R&B “Chiin circuit”, alla chitarra ritmica.

Easy Blues:
Un edit estratto di questa meravigliosa sessione strumentale fu inserito nell’album del 1981 “Nine to the Universe”. Oggi, questo brano, nella sua interezza, offre ai fan l’opportunità di godere di tutta la drammaticità del “duello” musicale tra Jimi, il secondo chitarrista Larry Lee, Billy Cox e Mitch Mitchell alla batteria.  

Crash Landing:
Forse conosciuto quale brano che da il titolo al controverso album del 1975, un master registrato da Hendrix e dopo la sua morte seguito sovrainciso da alcuni musicisti in studio, Questa versione originale dell’aprile ’69 non è mai stata sentita prima. Jimi qui suona con Billy Cox e con Rocky Isaac dei Cherry People alla batteria nel registrare questo avvertimento finemente velato per la sua ragazza Devon Wilson

Inside Out:
Jimi era affascinato dal modello ritmico che avrebbe poi preso piena forma in “Ezy Rider”. Con Mitch Mitchell, Jimi registrò tutte le parti di basso e chitarra per questo brano affascinante---inclusa una toccante prima chitarra amplificata attraverso una cassa d’organo.

Hey Gypsy Boy:
Le radici della magistrale “Hey baby - New Rising Sun – hanno origine in questa registrazione del marzo ’69. Diversamente dalla versione sovraincisa dopo la sua scomparsa e parzialmente pubblicata quale parte di “Midnight Lightning” nel 1975 questa è la registrazione originale con Jimi insieme a Buddy Miles.

Mojo Man:
Jimi diede una mano a Albert & Arthur Allen, i vocalist conosciuti quali “Ghetto Fighters”, con i quali era diventato amico molto prima di raggiungere il successo con “The experience”. Quando i due registrarono questo master inedito, presso i leggendari Fame Studios di Muscle Shoals in Alabama lo portarono a Hendrix negli Electric Lady Studios. Jimi già sapeva cosa avrebbe dovuto fare per portare la registrazione oltre il classico R&B, verso quell’ibrido tra Rock e Rhythm and Blues che lo aveva consacrato.

Villanova Junction Blues:
Molto prima della sua famosa interpretazione di questo brano al Woodstock festival, Jimi aveva registrato questa studio version con Billy Cox e Buddy Miles nella stessa sessione di registrazioni del maggio ’69 che produsse le versioni di “Hear My Train A Comin” e “Bleeding Heart” incluse in questo album. Mai completamente terminato, il brano può essere l’esempio perfetto della fertilità di idee che Jimi sperava di sfruttare e portare al successo.