mercoledì 16 gennaio 2013

JIMI HENDRIX “PEOPLE, HELL & ANGELS”



IN USCITA IL 5 MARZO 2013



“Registrazioni studio inedite dal 1968 al 1970 rivelano per la prima volta una nuova dimensione sperimentale del leggendario chitarrista, oltre l’Experience trio”
“Somewhere”
Primo singolo estratto in pubblicazione il prossimo 5 febbraio.
Disponibile in versione Cd Single e 45 giri


* * * * *

Experience Hendrix LLC e Legacy Recordings, una divisione di  Sony Music Entertainment,  sono orgogliose di annunciare la pubblicazione di “People, Hell & Angels”, un nuovo e prezioso album con 12 brani inediti registrati in studio da Jimi Hendrix.

“People, Hell & Angels” ci presenta il leggendario chitarrista al lavoro al di fuori dell’Experience trio. A partire dal 1968  la crescente inquietudine artistica e la grande voglia di sviluppare nuovo materiale portò Jimi Hendrix a lavorare con vecchi amici e nuovi ensemble.
Lontano dalla pressione dell’enorme audience, che aveva appena  decretato “L’Experience trio tour” campione d’incassi e dietro il successo di 2 album simultaneamente nella top ten Americana, Jimi era impegnato in studio, intento a creare la sua prossima grande “impronta” musicale.

Queste 12 registrazioni contengono una varietà unica di suoni e stili incorporando molti degli elementi – fiati, tastiere, percussioni e una seconda chitarra – che Jimi voleva inserire nella sua nuova musica.

People, Hell & Angels” ci presenta alcune delle migliori sessioni musicali di Jimi Hendrix mai pubblicate e ci apre un’irresistibile scorcio visivo sulla sua crescita quale cantautore, musicista e produttore. 
“People, Hell & Angels” sarà disponibile dal 5 marzo 2013 in versione Jewell box, Digipack e Doppio Vinile.


‘People, Hell & Angels”, titolo coniato dallo stesso  Hendrix, ci rivela le ambizioni e soprattutto le intenzioni dell’Hendrix “post-Experience” in quanto comincia a collaborare con nuovi musicisti – incluso Stephen Stills dei Buffalo Springfield, il batterista Buddy Miles, Billy Cox (con il quale Hendrix aveva servito il 101° battaglione dell’Areonautica   Americana e suonato nel famoso R&B “Chitlin” Circuit) e vari altri – creando nuovi fantastici sound per il prossimo grande capitolo della sua straordinaria carriera.

“People, Hell & Angels” è coprodotto da Janie Hendrix, Eddie Kramer e John McDermott.

Kramer incontrò Hendrix presso gli Olympic Studio a Londra nel Gennaio del 1967. Hendrix, che avrebbe compiuto 70 anni il 27 Novembre 2012, sviluppò un rapporto molto speciale con Kramer.  A conferma di cio’ Kramer lavoro’ su tutti gli album pubblicati in vita da Hendrix e registrò il famosissimo concerto di Hendrix a Woodstock nell’agosto del 69. Dal 1977, Kramer è in team con Janie Hendrix e John McDermont per supervisionare la pubblicazione di tutti gli album di Jimi Hendrix pubblicati dalla Experience Hendrix. 
La dozzina di performance inedite di Jimi Hendrix contenute in “People, Hell & Angels” include le seguenti tracce:  "Earth Blues," "Somewhere," "Hear My Train A Comin'," "Bleeding Heart," "Baby Let Me Move You," "Izabella," "Easy Blues," "Crash Landing," "Inside Out," "Hey Gypsy Boy," "Mojo Man" and "Villanova Junction Blues."


Un “compagno musicale” ed il successore di “Valleys of Neptune”, acclamatissimo dalla critica, del 2010 che presentava le ultime registrazioni dell’artista con la formazione classica degli Experience. “People, Hell & Angels” ci offre allettanti tracce e varie indicazioni sulla direzione che Hendrix avrebbe considerato di intraprendere per “First rays of the new rising sun”, il doppio album che sarebbe dovuto essere il sequel dello strepitoso “Electric Ladyland” del 1968.

Contrariamente ai suoi colleghi del tempo quali Bob Dylan e I Beatles, Jimi Hendrix era proprietario delle sue canzoni e dei master musicali. Hendrix non era obbligato a registrare la sua musica presso gli studi della sua casa discografica. Registro’  la sua nuova musica presso nuovi  studi indipendenti quali il Record Plant e lo Hit Factory di New York. Hendrix era talmente determinato nel registrare la sua nuova musica tanto da seguire contemporaneamente alla registrazione di quasi tutte le tracce di “People, Hell & Angels” anche  la costruzione del suo studio di registrazione: i magnifici Electric Lady Studios del Greenwich Village.

Janie L. Hendrix, Presidente/CEO di Experience Hendrix LLC, ha dichiarato, "Siamo veramente eccitati di poter pubblicare “People, Hell & Angels” durante la celebrazione del 70° anno della nascita di mio fratello”. La grande attualiatà (brilliance) dell’album ci aiuta a sottolineare (ribadire) quello che abbiamo sempre saputo: che non c’è mai stata e mai più ci sarà una potenza musicale uguale alla sua e che noi amiamo e prendiamo ispirazione da ciò che ci ha lasciato per il presente e per generazioni a venire…semplicemente per l’eternità” 

"People, Hell & Angels” ci fornisce ulteriori conferme della genialità di Jimi Hendrix” dice Adam Block, presidente della Legacy Recordings”. Nel lavorare con nuove sessioni ritmiche e nuovi strumenti, Jimi Hendrix stava allargando l’orizzonte della sua musica, creando nuove sonorità cariche di possibilità infinite.

* * * * *


People, Hell & Angels – Traccia per traccia

Earth Blues:
Completamente differente dalla versione inizialmente pubblicata in “Raimbow bridge” nel 1971 questo master del 19 dicembre 1969 include solo Hendrix, Billy Cox e Buddy Miles--- Funk puro e semplice.

Somewhere:
Questa nuovissima gemma musicale fu registrata nel Marzo 1968 con Buddy Miles alla batteria e Stephen Stills al basso. Completamente differente da qualsiasi altra versione i fans abbiano mai ascoltato.


Hear My Train A Comin':
Questa superba registrazione fù estrapolata dalla primissima sessione di registrazioni con Billy Cox e Buddy Miles ---la potentissima sessione ritmica con la quale più tardi registrò
l’innovativo album “Band of Gypsys”.
Jimi condivideva il profondo amore per il blues con Billy Cox e Buddy Miles. Entrambi capivano il desiderio di Jimi di creare cio’ che lui descriveva come un “nuovo tipo di Blues”.

Bleeding Heart:
Questo capolavoro di Elmore James è stato da sempre quello favorito di Jimi. Aveva suonato il brano all’inizio dell’anno con l’Experience al Royal Albert Hall e aveva tentato di registrarla a New York nelle settimane seguenti.

Registrata insieme alla sessione per “Hear My Train A Coming” nel Maggio ’69, il brano esprime tutta la ferma convinzione del tempo e dell’arrangiamento che Jimi desiderava.
Prima di cominciare Jimi istruì Cox e Miles relativamente al fatto che voleva ottenere un tempo completamente differente dall’arrangiamento standard. Poi lui “tuonò” in questa strepitosa interpretazione che risultò essere talmente grande,  da non poter esser paragonata a nient’altro.

Let Me Move You:
Nel marzo 1969 Jimi si ricongiunse con un altro vecchio amico, il sassofonista Lonnie Youngblood. Prima di esser scoperto da Chas Chandler nell’estate del 66, Jimi aveva dato un contributo con la sua chitarra, quale musicista turnante di studio, a Youngblood nel R&B single “Soul Food”
Questa sessione del marzo ’69 mostra Hendrix e Youngblood “duellare musicalmente” durante tutta la performance di questo velocissimo classico del rock e soul.

Izabella:
Conseguentemente al Woodstock festival, Jimi riunì il suo nuovo ensemble, Gypsy Sun e Raimbow, all’Hit Factory nell’agosto del ’69 con Eddie Kramer quale ingengere del suono. “Izabella” era uno dei nuovi brani che il chitarrista presento al festival e Jimi era determinato a perfezionarne una versione in studio. Questa nuova versione è marcatamente differente da quella proposta dalla Band of Gypsys e pubblicata dala Reprise Records nel 1970 con Larry Lee, un vecchio amico di Jimi dei tempi del famosissimo R&B “Chiin circuit”, alla chitarra ritmica.

Easy Blues:
Un edit estratto di questa meravigliosa sessione strumentale fu inserito nell’album del 1981 “Nine to the Universe”. Oggi, questo brano, nella sua interezza, offre ai fan l’opportunità di godere di tutta la drammaticità del “duello” musicale tra Jimi, il secondo chitarrista Larry Lee, Billy Cox e Mitch Mitchell alla batteria.  

Crash Landing:
Forse conosciuto quale brano che da il titolo al controverso album del 1975, un master registrato da Hendrix e dopo la sua morte seguito sovrainciso da alcuni musicisti in studio, Questa versione originale dell’aprile ’69 non è mai stata sentita prima. Jimi qui suona con Billy Cox e con Rocky Isaac dei Cherry People alla batteria nel registrare questo avvertimento finemente velato per la sua ragazza Devon Wilson

Inside Out:
Jimi era affascinato dal modello ritmico che avrebbe poi preso piena forma in “Ezy Rider”. Con Mitch Mitchell, Jimi registrò tutte le parti di basso e chitarra per questo brano affascinante---inclusa una toccante prima chitarra amplificata attraverso una cassa d’organo.

Hey Gypsy Boy:
Le radici della magistrale “Hey baby - New Rising Sun – hanno origine in questa registrazione del marzo ’69. Diversamente dalla versione sovraincisa dopo la sua scomparsa e parzialmente pubblicata quale parte di “Midnight Lightning” nel 1975 questa è la registrazione originale con Jimi insieme a Buddy Miles.

Mojo Man:
Jimi diede una mano a Albert & Arthur Allen, i vocalist conosciuti quali “Ghetto Fighters”, con i quali era diventato amico molto prima di raggiungere il successo con “The experience”. Quando i due registrarono questo master inedito, presso i leggendari Fame Studios di Muscle Shoals in Alabama lo portarono a Hendrix negli Electric Lady Studios. Jimi già sapeva cosa avrebbe dovuto fare per portare la registrazione oltre il classico R&B, verso quell’ibrido tra Rock e Rhythm and Blues che lo aveva consacrato.

Villanova Junction Blues:
Molto prima della sua famosa interpretazione di questo brano al Woodstock festival, Jimi aveva registrato questa studio version con Billy Cox e Buddy Miles nella stessa sessione di registrazioni del maggio ’69 che produsse le versioni di “Hear My Train A Comin” e “Bleeding Heart” incluse in questo album. Mai completamente terminato, il brano può essere l’esempio perfetto della fertilità di idee che Jimi sperava di sfruttare e portare al successo.



Posta un commento