lunedì 17 giugno 2013

Una strada per Jimi Hendrix... " ..... ma se ci tolgono anche la voglia di sognare, anche le cose più assurde, cosa ci rimane? "

Sono passati già 43 anni da che rimasi folgorato dalla musica di Jimi Hendrix.
Da allora è nata una passione quasi maniacale che mi ha portato a collezionare cimeli hendrixiani di ogni sorta, a girare il mondo per conoscere chi aveva collaborato con lui,  a organizzare manifestazioni, eventi, concerti , ecc ecc.
Molto spesso, come quasi tutti quelli che lo fanno solo per "passione", sono andato in perdita ovviamente rimettendoci di tasca mia. A volte sono stato deriso per questa mia passione, sovente mi sono sentito dire "...ma chi te lo fa fare?" , confesso anche di essermelo detto da solo in più occasioni nei momenti di scoramento..... Ma alla fine la fiamma si riaccende e la musica e filosofia di Jimi hanno la meglio.
Sono felice perchè negli anni ho avuto modo di conoscere tanta gente meravigliosa come, il nostro amico Fabio Pilitteri .  Un virtuoso hendrixiano che è riuscito a far intitolare una via a Jimi Hendrix nel suo paese Lercara Friddi.
 http://jimihendrixitalia.blogspot.it/2012/11/un-bel-regalo-di-compleanno-per-jimi.html
Grazie a persone così che il mondo potrà cambiare in meglio , persone che perseguono il loro ideale senza fermarsi di fronte alle difficoltà e come dice il buon Fabio " ..... ma se ci tolgono anche la voglia di sognare, anche le cose più assurde, cosa ci rimane? "

Ma vi invito a leggere per intero la storia di Fabio, sperando che altri prendano il suo esempio.


Una strada per Jimi Hendrix

(di Fabio Pillitteri)

Jimi Hendrix è stato, in assoluto, il più grande chitarrista di tutti i tempi … non sarebbe necessario aggiungere altro e, pertanto, qui si potrebbe concludere!
Certamente il mio pensiero è condiviso da molti (quantomeno da tutti i visitatori abituali di questo blog); c’è, comunque (e di questo sono sicuro), anche tanta gente che ritiene che la musica e la vita di questo Mozart del XX secolo possono essere liquidate e sintetizzate unicamente enfatizzando (morbosamente …) il suo stile di vita, alcuni singoli episodi ed alcune vicende ancora non del tutto chiarite (come la sua morte).
Chi visita abitualmente questo blog conosce già i fatti … per chi invece è al primo accesso o non ricorda di cosa si stia parlando, di seguito un breve (per modo di dire) excursus storico.
Nell’ottobre del 2012 ho proposto all’Amministrazione del Comune di Lercara Friddi (Comune nel quale risiedo e del quale sono dipendente) l’intitolazione del tratto di strada ove è ubicata la mia casa (all’epoca ancora senza un toponimo) a Jimi Hendrix … per il fatto che, a prescindere alcune vicende personali forse discutibili, è stato sicuramente un genio nel suo tempo!
… ad onor del vero ci sono stati altri motivi che mi avevano spinto a proporre quanto sopra: questi possono riassumersi sia nel tentativo di veicolare un’idea di identità alternativa a quella stantia e folklorika alla quale la Sicilia (ed un po’ tutto il meridione d’Italia) sembra essere condannata, sia perché credevo che ciò avrebbe garantito al mio paese (“famoso” più che altro per aver dato i natali ai nonni ed al padre di Frank Sinatra ed anche a Salvatore Lucania … al secolo Lucky Luciano) una pubblicità di notevole impatto sia in Italia che all’estero: il tutto a costo zero! … questo chiaramente se la cosa fosse stata attenzionata, pubblicizzata e sfruttata un po’ meglio.
Comunque, la mia proposta, probabilmente perché non vi erano, per il tratto di strada in questione, ulteriori richieste di intitolazione da parte di altri cittadini e perché gli Amministratori Comunali non si sono limitati a giudicare superficialmente il personaggio unicamente per alcuni abusati luoghi comuni, quasi in contemporanea con la ricorrenza dei 70 anni dalla nascita, è stata accolta; ed infatti, con delibera della Giunta Comunale n. 147 del 26 ottobre 2012 la strada che dà accesso alla mia e ad altre abitazioni è stata, con mia grande soddisfazione, denominata “via Jimi Hendrix”.

La discussa Via Jimi Hendrix a Lercara Friddi

La storia poteva concludersi così, con il mio personale lieto fine … ed invece no: purtroppo esistono persone a cui piace occuparsi delle cose sbagliate e, probabilmente perchè non hanno più sogni, godono nel distruggere quelli altrui. Perchè? E chi lo sa … ci sono e ci saranno sempre. Questo è sicuro! Cosa è successo? Qualcuno, che ha deciso di indossare i panni del moralista, profondamente offeso e turbato, ha pensato di far eliminare il nome di questa via. Perchè? Perchè Jimi Hendrix è un personaggio negativo e di cattivo esempio in quanto … era un drogato ed è morto di overdose!
Probabilmente queste persone non sanno che le circostanze della sua morte non sono mai state chiarite definitivamente e presentano, ancora oggi, molti interrogativi; i giornali dell’epoca, ancor prima della conclusione dell’inchiesta, scrissero che era stato stroncato da un’overdose di eroina e, anche se in seguito i documenti dell’inchiesta lo smentirono, milioni di persone in tutto il mondo (compresi gli individui sopra cennati) hanno continuato a credere che questa fosse la verità.
Ancora oggi quando sui giornali compare qualche articolo su di lui, lo si iscrive nella lunga lista dei morti per droga degli eroi del rock, probabilmente perché a molti (per negligenza, superficialità od altro) fa comodo ricordarlo così: maledetto e per sempre incluso nella mitologia del rock.
Da quello che so io (leggendo le varie biografie ufficiali e non, oltrechè notiziandomi via web), Jimi Hendrix, contrariamente ad una diffusa leggenda metropolitana, non si iniettava eroina e non può essere considerato un tossicodipendente: se fosse stato così non avrebbe potuto infatti rilasciare tanto frequentemente interviste o creare la sua musica immortale.

Jimi Hendrix, secondo tutte le testimonianze di chi lo ha frequentato in vita, non usava siringhe né tantomeno era dipendente da eroina o cocaina: le droghe che assumeva erano sostanzialmente marijuana, LSD ed anfetamine (cioè le classiche droghe che giravano nell’ambito dello star system degli anni ‘60/’70); saltuariamente assumeva sonniferi, visto che nell’ultimo periodo della sua vita soffriva d'insonnia.
Unicamente per onor di cronaca e non per volere giustificare lo stile di vita, forse discutibile, del nostro amico comune, secondo Wikipedia “… fino ad oggi, non vi è una versione certa della morte di Jimi Hendrix. La versione più diffusa … racconta di come Hendrix sia soffocato nel suo vomito dopo un … cocktail di alcool e tranquillanti (Vesparax); a parte la causa della morte … non è chiaro se il chitarrista sia morto nottetempo, come asserito dalla polizia, o se fosse ancora vivo all’arrivo dell’ambulanza e sia soffocato durante il trasporto in ospedale a causa del sopraggiungere di vomito in assenza di un supporto sotto la sua testa …”.
Oltre questa, che è la più diffusa, esistono altre versioni che parlano di un complotto e, addirittura, di omicidio …
Il caso Hendrix è praticamente uno dei più significativi esempi di disinformazione di massa … personalmente non mi importa più di tanto … so solo che quel maledetto 18 settembre di quasi 43 anni fa è scomparso un uomo: il più grande chitarrista di tutti i tempi!
Analizzando anche i fatti di cui sopra, mi piace pensare che il mio Comune ha voluto tributare il genio artistico di Jimi Hendrix, vero innovatore nel suo campo, nonché il suo imponente testamento musicale, non giudicandolo quindi unicamente per le sue debolezze terrene e per le sue questioni private.
Apriamo una piccola parentesi … per quanto mi riguarda, posso a ragione affermare (e sfido qualsiasi benpensante a dimostrare il contrario!) che Jimi Hendrix ha incarnato, nella sua breve ma intensa esistenza, il binomio genio/sregolatezza, comune a tanti altri artisti … e del resto Caravaggio, Niccolò Paganini, Edgar Allan Poe, Charles Baudelaire, Gabriele D’Annunzio, Dylan Thomas, James Joyce, Amedeo Modigliani, Truman Capote e tanti altri, non vengono certo ricordati e giudicati per alcune loro vicende personali non propriamente esemplari … personaggi del calibro di Pavese, Salgari, Hemingway, Van Gogh e  Kirchner vengono ricordati per le loro opere letterarie o pittoriche e non per le vicende legate alla loro morte (in tutti i casi suicidio) … sarebbe troppo riduttivo liquidare le gesta e le opere di questi e di altri geni del passato in poche battute enfatizzando morbosamente le loro debolezze umane nonché i loro ultimi attimi in questa terra puntando il dito sul fatto che l’autoinfliggersi la morte è certamente un atto … di non buon esempio (… nel caso di Hemingway, inoltre, lo scrittore non viene certo ricordato solo per il suo attaccamento alla bottiglia!).
Ed ancora, scomodiamo anche i santi … Sant'Ignazio di Loyola (fondatore dell’ordine cui appartiene il nostro attuale Santo Padre) e San Paolo (l’apostolo dei Gentili) non vengono certamente ricordati e giudicati per le loro gesta giovanili non propriamente di … carità cristiana.


… tutti questi esempi unicamente perché, a mio avviso, è troppo comodo giudicare l’operato di chicchessia valutandone soltanto alcuni aspetti (… colui che dispensa giudizi è proprio lui a trovarsi nel torto!).
Nella vita di tutti (probabilmente anche nella mia e nelle vostre) ci sono luci ed ombre: è davvero riduttivo e puerile, quando si cita un qualsiasi personaggio storico, uscirsene con frasi del tipo “… era un drogato …” o “… era un alcolizzato …” o magari “… era un immorale …” o … fate voi, in barba a tutto quello di buono che possono averci lasciato … vizi e virtù: la vita di tutti noi è un insieme di vizi e di virtù (o di luci ed ombre) … e qua chiudo parentesi!
Per l'opinione pubblica i grandi musicisti sono stati soltanto quelli di estradizione classica (Verdi, Donizzetti, Mascagni, Rossini, Vivaldi, etc.) a cui quasi tutti i Comuni italiani hanno dedicato una strada ... senza nulla togliere a questi grandi maestri, anche i musicisti pop e rock hanno fatto la storia e per tale motivo meritano di essere ricordati oltre che per le loro gesta e per i loro stili di vita anche e soprattutto per i notevoli testamenti musicali che ci hanno lasciato e che, in un certo qual modo, hanno reso un po' migliori le nostre vite.
E pertanto ben vengano in tutta Italia le vie Jimi Hendrix, John Lennon, Elvis Presley, Bob Marley, Frank Zappa (già esistente nel Comune di Agropoli e recentemente intitolata nel Comune di Partinico meno di un mese dopo … my way), Fabrizio De Andrè, Demetrio Stratos, Lucio Battisti, Domenico Modugno, Rino Gaetano, Augusto Daolio, Luigi Tenco, Ivan Graziani, Mia Martini, etc.: anche questi semplici atti denotano una crescita culturale delle nostre comunità ed un lascito per le generazioni future, dimostrando così di non essere lontani anni luce dal presente, consapevoli del fatto che anche la musica ed i suoi artefici possono trasmettere valori veri e duraturi!
Come già detto sopra, avendo appreso la notizia che uno sparuto gruppetto di moralizzatori locali aveva ritenuto offensivo (ecchenesò … magari anche blasfemo) l’intitolazione di una strada (per la cronaca ancora in terra battuta) al più grande chitarrista di tutti i tempi, superato un primo momento di rabbia, ho pensato di fare informazione e, come si dice dalle mie parti, tecchia di scrusciu (cioè un po’ di rumore) convinto che se tanti venivano a conoscenza della notizia (dell’intitolazione) sarebbe stato difficile per questi censori raggiungere il loro obiettivo.

Jimi HendrixStraat Almere (NL)

Pertanto, scartata l’idea iniziale di creare un blog (il nome prescelto era “Lercara Friddi … via Jimi Hendrix n. 10”, praticamente il mio nuovo indirizzo di casa) ho pensato di rivolgermi a Roberto Crema per raccontare la mia storia sul suo blog; successivamente alla pubblicazione ho iniziato a contattare chicchessia (iniziando dai miei contatti in rubrica) allegando il link per far girare la notizia, informando tantissimi musicisti di fama nazionale, credendo (ingenuamente) che l’aver intitolato una strada ad un musicista rock potesse far piacere a chi lavora in questo settore …
A parte un paio di tweet di Frankie Hi Nrg Mc … un silenzio tombale e la cresciuta convinzione personale (sempre più acclarata) che alla maggior parte di tutti quelli che con la musica ci campano non gliene frega un tubo della musica stessa e dei suoi artefici, forse perché hanno smesso di sognare o perchè fare musica equivale, nel loro caso, al mio quotidiano timbrare il cartellino (in realtà da qualche tempo badgeare) … o semplicemente perché non gliene frega niente di un idiota come me che si sbatte e si batte (senza interessi … se non quello personale di fan) affinché non venga cambiato il nome di una strada (la seconda in Italia e comunque poche in tutto il mondo) dedicata al suo idolo …
Stesso discorso per quanto riguarda l’editoria … ho contattato praticamente quasi tutte le testate giornalistiche ed i quotidiani che contano ricevendo praticamente il medesimo trattamento riservatomi dai musicisti di serie A … totale indifferenza.




Hendrix Street, Brooklyn, NY
Credevo che la notizia (curiosa certamente) della mia iniziativa potesse fare  notizia e per questo minimamente interessare … ed invece, a quanto pare, si preferisce privilegiare le vicende (non certamente esemplari) dei nostri politici od i gossip vari relativi a veline, calciatori e pseudo vip … perché forse è proprio questo quello che la gente gradisce.
A parte il disinteresse del mondo musicale ed editoriale che conta (diversi gruppi ed artisti meno abituati a copertine e prime pagine mi hanno comunque contattato od hanno commentato la vicenda), grazie alla mole di mail inviate in giro per la rete, nel frattempo qualcuno iniziava a pubblicare (su Facebook, Twitter, blog, forum, etc.) la notizia dell’intitolazione e del tentativo di rimozione … un primo obiettivo era stato pertanto raggiunto: se ne parlava … ma ancora non ero soddisfatto!
Per questi motivi, spinto anche dalla voglia di dare una risposta concreta a chi aveva ritenuto offensivo volere dedicare una strada al mitico Jimi Hendrix e leggermente preoccupato che, nonostante tutto, qualche Amministratore Comunale del mio paese potesse (in futuro) accogliere la futile istanza dello sparuto gruppetto di censori locali (sto scrivendo a meno di un mese dalle prossime amministrative … con un leggero senso di preoccupazione perché questo è notoriamente il periodo in cui si fanno promesse …), ho pensato ad un’iniziativa unica nel suo genere (a meno che qualche altro folle non mi abbia già preceduto): ho deciso di contattare, principalmente tramite Posta Elettronica Certificata e, quando non possibile, anche via mail ordinaria, fax o lettera tradizionale, tutti i Comuni d'Italia (per la cronaca 8092, ma, in realtà, escludendo il mio e quello di Lanuvio in provincia di Roma, 8090) invitando i Sindaci a volere intitolare, se possibile, anche una semplice stradina, piazzetta, vicolo, etc. a Jimi Hendrix; tutto ciò sperando di ricevere qualche riscontro positivo da parte di altri Comuni italiani che, quantomeno, potrebbero consolarmi se davvero (ribadisco il concetto) qualche Amministratore Comunale del mio paese potesse (in futuro) accogliere la futile istanza dello sparuto gruppetto di censori locali, intitolando la strada a qualche altro personaggio di provata moralità …

Via Jimi Hendrix, Lercara Friddi


L’impresa (immane) è iniziata nei primi giorni di questo 2013 con la Provincia di Palermo ed in data 8 maggio 2013 si è conclusa con l’invio dell’ultimo gruppo di mail alla Provincia di Aosta.
Diversi Sindaci hanno riscontrato la mia mail: rispetto alla mole di richieste inviate la percentuale non è stata certamente esaltante ma, in ogni caso, ogni risposta in più ed ogni avvenuta protocollazione delle mail inviate via PEC è stato un conforto ed un ulteriore imput per completare la mia iniziativa … questa certamente non sarà servita a risolvere la crisi e tutti i problemi che attanagliano il nostro Paese e c’è, inoltre, il (ragionevole) rischio che, strada facendo, sia stata ritenuta cosa futile da alcuni … del resto ognuno di noi è libero di esprimere il proprio pensiero.
Diversi Sindaci (e/o Comuni), dicevo prima, hanno attenzionato la mia richiesta (anche con riscontri negativi) e, nello stesso tempo, hanno ritenuto doveroso comunicarmi gli eventuali orientamenti dell’Amministrazione a tale riguardo …  ho apprezzato, in tal senso, la cortesia ed il senso del dovere mostrato anche da quelle Amministrazioni che hanno riscontrato negativamente la mia richiesta (cortesia che, purtroppo, tantissimi Comuni non hanno ritenuto doverosa).
Durante il mio giro d’Italia a suon di mail ho ricevuto qualche virtuale ceffone e molte virtuali pacche sulla spalla che mi hanno spinto ad ultimare l’opera concludendo il mio viaggio …
Ma … diamo i numeri: le Regioni più virtuose, cioè quelle che in percentuale hanno fornito più risposte (anche negative) e/o hanno protocollato la mia richiesta (quindi ufficializzandola e prendendola sul serio) sono state l’Emilia Romagna (24 risposte e/o protocolli su 348 Comuni, con una percentuale del 6,89%), la Toscana (16 risposte e/o protocolli su 287 Comuni, con una percentuale del 5,57%) ed il Friuli Venezia Giulia (9 risposte e/o protocolli su 218 Comuni, con una percentuale del 4,12%); fanalini di coda ex equo, invece, con una percentuale dello 0,00% (!?!?), la Puglia (0 risposte e/o protocolli su 258 Comuni), il Molise (0 risposte e/o protocolli su 136 Comuni), l’Umbria (0 risposte e/o protocolli su 92 Comuni) e la Valle d’Aosta (0 risposte e/o protocolli su 74 Comuni).
Giunto alla fine di questo giro d’Italia virtuale, mi rendo conto che probabilmente ho solo sprecato tempo e che quasi tutti i Comuni d’Italia (come il mio del resto) hanno problemi ben più importanti che l’intitolazione di una strada o di una piazza ad un chitarrista statunitense di colore degli anni ’60 … per questo motivo non mi illudo più di tanto.


Devo dire però che mi ha fatto piacere, strada facendo, scambiare qualche battuta con chi (Sindaco o collega) ha apprezzato l’iniziativa invogliandomi, nel contempo, ad andare avanti, anche precisando che, al momento, non era possibile accogliere l’istanza perché non vi erano strade da titolare o perché era stata data priorità a personalità locali.
… oltre ad i motivi citati in premessa, vi confesso che la mia iniziativa ha avuto principalmente lo scopo di volere tributare la memoria di questo grande artista; non è stata certamente la voglia di protagonismo od il voler ricevere apprezzamenti o, magari, di sentirsi dire “… bravo!” che mi hanno motivato: la mia è stata solo una richiesta, dettata soprattutto dalla mia passione (probabilmente, proprio per questo motivo, o perché ritenuta troppo bizzarra, spesso non è stata presa in seria considerazione) ... come tale non ha avuto la pretesa di essere esaudita: ma, se ci tolgono anche la voglia di sognare, anche le cose più assurde, cosa ci rimane?
Ribadisco che se la mia istanza venisse accolta anche da un solo Comune d'Italia ... ne è davvero valsa la pena!
                                    Fabio Pillitteri

P.S. - Chi dei frequentatori il blog ha voglia e/o tempo, può far girare questo link o la notizia tramite Facebook, Twitter, forum, altri blog, etc. (io lo faccio ancora adesso); inoltre, per chi volesse ripetere le mie gesta (io ho già dato!) e farsi portavoce nuovamente dell’intitolazione di una strada, piazza od altro spazio pubblico a Jimi Hendrix in tutti i Comuni d’Italia può contattarmi al seguente indirizzo email: fabiopillitteri@libero.it … sarò lieto di fornire i data base di tutti gli indirizzi PEC e/o mail ordinaria dei Comuni d’Italia, suddivisi per Regione e per Provincia … in questo modo la mia impresa potrebbe essere ripetuta in meno tempo.

P.S.2 - … ma perché fermarmi all’Italia … ormai ci ho preso gusto … quasi quasi, scrivo anche a San Marino, alla Svizzera “italiana” ed al Vaticano (… ve l’immaginate una via Jimi Hendrix nei pressi di Piazza San Pietro? … habemus Jimi).

P.S.3 - … in ogni caso non demordo … dal 26 al 27 maggio e dal 9 al 10 giugno di quest’anno oltre 700 Comuni d’Italia andranno al voto per le amministrative e tra questi il nuovo (?!?) Comune di Mappano (TO) … credo proprio che verso fine estate – inizio autunno contatterò tutti i neo Sindaci eletti (… gli darò il tempo di insediarsi): magari tra questi potrebbe esserci qualche hendrixiano di larghe vedute che potrebbe mettere in pratica il mio suggerimento!

http://www.trentotoday.it/cronaca/via-jimi-hendrix-pillitteri-trento-comuni-italiani.html

https://ilnotiziabile.wordpress.com/2013/05/24/una-strada-intitolata-a-jimi-hendrix-continua-sogno-di-un-fan-siciliano/

http://www.gazzettinodelchianti.it/articoli/primopiano/1151/notizie-sul-chianti-fiorentino/via-jimi-hendrix.php#.Ub9KWdiZnKl

http://www.trentotoday.it/cronaca/via-dedicata-jimi-hendrix-trento.html

http://infosannio.wordpress.com/2013/05/27/via-jimi-hendrix-a-lercara-friddi-pa-e-se-tutto-va-bene-in-qualche-altro-comune-ditalia-anche-nel-tuo-chissa/

Se vi va ne discutiamo anche su Facebook

https://www.facebook.com/groups/132755494764/
Posta un commento